GIOVANI COMUNISTE\I E RIFONDAZIONE AL FIANCO DI MIGLIAIA DI STUDENTI E STUDENTESSE A PESCARA.

STOP AL CONSUMO DI SUOLO E ALLE FONTI ENERGETICHE FOSSILI. PD E 5 STELLE DIANO LO STOP ALLA CENTRALE SNAM DI SULMONA

Secondo l’IPCC, International Panel on Climate Change dell’ONU, abbiamo 11 anni per vincolare i governi a scelte energetiche, produttive e economiche, che frenino l’aumento delle temperature e le immissioni di CO2 prima che il processo diventi irreversibile.

La questione climatica è strettamente connessa alla salute, alla giustizia sociale, alle migrazioni, alla difesa del territorio, alla riconversione in chiave di tutela ambientale e del lavoro. È in gioco il futuro della nostra vita sul pianeta Terra, l’unica che abbiamo. Chi nega i cambiamenti climatici è folle e pericoloso.

SPIAGGIA DI SETTEMBRE

Oggi sono stato sulla spiaggia libera tra Sabbia d’oro e Bagni Bruno, la spiaggia è come trattiamo quotidianamente le nostre spiagge né più pulita né più sporca.

Non esistono eventi ad impatto zero neppure quando ci sforziamo di fare la raccolta differenziata, di acquistare e consumare cibo biologico o autoprodotto nel giardino di casa. Ciascuno di noi ha la propria impronta ecologica sul pianeta più o meno grande.

Poi, visto che non ho assisto al #JovaBeachParty e constatato il diffuso entusiasmo in città e regione, ho cercato qualche “souvenir”, una volta raccolti dalla sabbia li ho sistemati nel bidone dei rifiuti più vicino.

JOVA BEACH PARTY LA “MANUTENZIONE” DELLA SIEPIE DIVENTA ESTIRPAZIONE DELLA SIEPE E DELLE TAMERICI. UNA RICHIESTA. UN AUGURIO. UN RINGRAZIAMENTO.

…Piove [motosega] su le tamerici
salmastre ed arse…

Sono iniziati i lavori per il Jova Beach Party a Montesilvano a farne le spese le siepi e le tamerici nel tratto di spiaggia libera interessata all’installazione del palco. Singolare che il comunicato ufficiale del comune parli di “manutenzione della siepe nella realtà si sta procedendo ad estirpare siepe e tamerici, che svolgono un’azione anti-erosione trattenendo la sabbia nelle giornate di vento, ma è evidente che se vuoi realizzare un concerto diventano un ostacolo per le vie di fuga. Ci auguriamo che a fine evento la siepe non si trasformi in muretto di cemento, ma che venga ripristinata, con nuove piantumazioni a spese dell’organizzazione con l’aggiunta di un congruo numero di alberi da donare alla città. Ed invitiamo Lorenzo Cherubini a recarsi alla discarica di Villa Carmine per suonare la sveglia alla giunta comunale De Martinis e alla giunta regionale Marsilio per la bonifica: fiume e mare ne sarebbero grati.

DISCARICA VILLA CARMINE E SITO DI BONIFICA. AD 8 MESI DALLA PASSEGGIATA DEL PRESIDENTE MARSILIO CONTINUANO RITARDI ED INADEMPIENZE. ERA UNA PRIORITÀ!

JOVA BEACH PARTY PASSA, INQUINAMENTO RESTA.

Il 29 dicembre 2018 il governatore Marco Marsilio insieme a Giorgia Meloni lanciava la sua candidatura a presidente della Regione Abruzzo proprio dalla foce del fiume Saline sito di bonifica di interesse regionale. A 8 mesi da quel appuntamento e a 6 mesi dalla proclamazione a presidente della Regione Abruzzo la discarica di Villa Carmine e il sito di bonifica continuano ad essere una terra di nessuno, con manutenzione inesistente, in permanente stato di abbandono. Si confermano, come già denunciammo a dicembre 2018, la scarsa conoscenza della problematica, l’incapacità e le inadempienze del centrodestra, al governo in regione e al comune di Montesilvano.