Category Archives: Senza categoria

LUNAPARK MONTESILVANO: LA GIUNTA MARAGNO COME LA “BASE UFO”, LA GIOSTRA DOVE SI SALE E SI SCENDE E NEL MEZZO CI SI SPARA ADDOSSO.

In mezzo alla strada (Cosa c’e`?)
son tre coi forconi (ah, vabbe`)
ma i piccoli ladri li impiccano sempre
i grandi ladroni.
Il primo strillava (tutti in girotondo, Forza Italia!)
il secondo fa i conti (mi scappa un plotone…)
il tre licenziava, ma dopo spiegava
la rava e la fava
.

Enzo Iannacci e Paolo Rossi – I soliti accordi – 1994

 I GETTONI LI PAGANO LE/I CITTADINE/I.

Ieri il sindaco Francesco Maragno ha tagliato il nastro per un nuovo giro di giostra, torna in Giunta Paolo Cilli, l’assessore progettista e sale la “ribelle” Manola Musa: pace fatta con i consiglieri insubordinati? Così pare almeno fino alle prossime elezioni politiche. Le candidature per le prossime elezioni al parlamento saranno il vero dato del contendere, così come le candidature alle scorse elezioni provinciali sono state il tema della precedente frattura. Niente di nuovo sotto il sole. I consiglieri fanno la gara di montesilvanesità e poi le decisioni sono prese altrove accadeva con il Pd, tocca ora al coacervo confuso e infelice del centrodestra, tanto alla fine decide sempre e solo Berlusconi.

GIUNTA DI MONTESILVANO INCAPACE. LA REGIONE ABRUZZO SI FACCIA CARICO DEGLI SGOMBERATI DI VIA ARIOSTO. MANIFESTAZIONE VENERDÌ 21 LUGLIO ORE 10 VIA FINLANDIA MONTESILVANO – MARCIA DELLA SOLIDARIETÀ

Resoconto conferenza stampa 19 luglio 2017

La casa è un diritto fondamentale per tutti gli uomini e tutte le donne, senza distinzione di razza o di condizione economica. Da un mese e mezzo circa un centinaio di persone vivono in estrema difficoltà e precarietà, e addirittura alcuni sulla spiaggia dopo aver subito lo sgombero dalle proprie abitazioni di via Ariosto.

 

È evidente che la comunità senegalese non rientra negli interessi del territorio pescarese, la non-gestione di questi problemi porta poi alle classiche guerre tra poveri, come dimostrato dalle ronde scandalose messe in atto sulla spiaggia pescarese e montesilvanese. Nel contesto storico che stiamo attraversando a livello nazionale e globale occorre ricompattare la società, a partire dai suoi strati più profondi, unendoci e riscoprendo la forza ed il valore della solidarietà. Oggi il problema della casa non riguarda solo gli immigrati ma anche i cittadini italiani, la povertà oggi colpisce tutti senza discriminazioni, dobbiamo unirci per costringere il governo locale e nazionale a mettere in campo soluzioni per combattere realmente la povertà.

SOLIDARIETÀ AI VIGILI URBANI. LE RICHIESTE DELLA FP-CGIL SONO SACROSANTE

GIUNTA MARAGNO, SULLA SICUREZZA È SOLO PROPAGANDA DELLA PAURA. ZERO PROGRAMMAZIONE E INTERESSI DI PARTE. CHE FINE HANNO FATTO I PROVENTI DELLE MULTE?

Le denunce della FP- CGIL in merito alla situazione in cui versa la polizia urbana di Montesilvano, sono la cartina di tornasole della Giunta Maragno. Sulla “sicurezza” siamo di fronte al solito stucchevole e quotidiano fiume di parole, lettere pompose, interviste sconnesse: insomma mera propaganda, fomentando paure e odio, da parte degli esponenti della giunta e della combriccola di cui si è circondato il sindaco Francesco Maragno.

Nel merito scopriamo che mancano mezzi e risorse adeguate per i vigili urbani per poter svolgere un lavoro efficace e dignitoso per i lavoratori stessi e per i cittadini, pertanto le richieste della FP-CGIL sono sacrosante e l’amministrazione, latitante da mesi, ha il dovere di dare una risposta.

MONTESILVANO: IL CENTRODESTRA AL GOVERNO TROVI LE SOLUZIONI E NON FACCIA DEMAGOGIA AGITANDO ODIO, PAURA E RAZZISMO.

Comunicato stampa 3 luglio 2017

Chi governa a Montesilvano? Una maggioranza di centrodestra.

È davvero grave e incredibile che esponenti della giunta comunale come il vicesindaco De Martinis, il presidente del consiglio Di Pasquale, sfilino nei cortei, promossi dal neo campione del centrodestra Marco Forconi e dai consiglieri “ballerini di maggioranza” Musa e Aliano. Facile fare demagogia sulla pelle degli ultimi. Ormai siamo da tempo dentro una lunga campagna elettorale, con buona pace dei cittadini esasperati. La città è all’abbandono e chi dovrebbe risponderne sfila contro il degrado e ammicca a neofascisti e razzisti. Una città civile e democratica dovrebbe condannare e impedire qualsiasi rigurgito del passato volto a fare “pulizia” di persone, esseri umani. È una china pericolosa, che rischia di degenerare.